Cani e legalità: maggioranza e opposizione scendono in piazza

NOCI – Si è svolta domenica 19 febbraio in piazza Garibaldi, la raccolta firme per la costruzione di “Una casa legale per i nostri amici a 4 zampe” promossa dal consigliere Paolo Conforti. L’obiettivo della petizione è quello di sollecitare l’amministrazione ad allestire «un canile sanitario autorizzato da affidare in maniera legittima all’associazione che si occupa degli amici cani» e «accogliere con amore, in piena sicurezza e nella legalità, gli amici a quattro zampe».

Il tutto nasce dal polverone alzato la scorsa settimana sui giornali locali e sui social riguardo il ritrovamento «a seguito dell’ispezione ASL Veterinaria, di una struttura fatiscente e priva di requisiti normativi», nella quale l’associazione di volontariato SOS Adozioni4zampe si occupava di dare un rifugio a tutti i cani presenti nel territorio nocese, al fine di toglierli dalle strade per non creare problemi sia ai cittadini che ai cani stessi.

Dopo i vari consensi espressi dai nocesi sui social di voler adibire una struttura comunale ad accogliere i numerosi cani presenti a Noci, dal momento che sul nostro territorio è presente un’associazione che già si occupa di loro, al fine di dargli una vita migliore attraverso l’adozione, qualcosa si è mosso nel nostro paese e il tutto si è svolto nel centro della vita cittadina nocese.

Infatti, dalle 11.00 alle 13.00, sono state raccolte 250 firme, attraverso le quali i cittadini hanno accolto il messaggio lanciato dal consigliere Conforti, chiedendo al Sindaco legalità. «La raccolta firme è andata molto bene» ha dichiarato il consigliere «anche grazie al segretario del PD Vito Plantone e allo Staff del Sindaco, che, alla presenza del Sindaco e del presidente del consiglio comunale Stanislao Morea, hanno tentato una scadente controinformazione e boicottaggio del banchetto firme, distribuendo volantini intorno al nostro gazebo. Ma i cittadini si sono comunque avvicinati coi fogli in mano a chiedere spiegazioni, che abbiamo giusto dato, e poi hanno firmato».

firme-cani-moduli-firma

Se, quindi, da un lato era stato allestito un gazebo per la raccolta delle firme, dall’altro alcuni componenti dell’amministrazione comunale distribuivano ai passanti un volantino che metteva in discussione l’operato del consigliere Conforti. Sul volantino si legge: «L’interesse del consigliere Conforti ha prodotto […] soltanto un danno alla Onlus (a cui è stata recapitata una sanzione amministrativa) e ha sollevato manifestazioni di protesta da parte della comunità nocese e di chi ha a cuore davvero gli animali. Ritrovandosi difronte ad una ennesima debacle, per provare a metterci una pietra sopra, il consigliere […], ha organizzato una raccolta firme in piazza per chiedere la realizzazione di un canile “fantasma” (per quello reale c’è già un progetto, che ha ricevuto parere positivo della ASL e per la cui realizzazione stanno per partire procedure di gara, grazie all’impegno di chi da anni combatte per ottenere diritti e approvazioni). Tale modo di fare da l’inevitabile impressione di un gesto tanto forzato quanto finto, destinato al solo fine di accaparrare qualche voto […] Assistiamo all’ennesimo becero episodio di strumentalizzazione politica, questa volta ai danni di un’associazione di volontariato, degli animali e dell’intera comunità cittadina».

Ormai il randagismo è diventata una vera emergenza nel nostro paese. Si spera che dalle parole si possa passare ai fatti, dal momento che all’interno del nostro comune ci sono tanti volontari disposti a dare supporto agli amici a quattro zampe.

firme-cani-volantino

Leave a Reply

Your email address will not be published.