In&Out il meglio e il peggio della settimana

NOCI – Tentati anche noi dal dolce riposo estivo post ferragostano, indecisi tra un posticipo e l’esposizione del cartello “Chiusi per Ferie”, alla fine sciogliamo l’amletico dubbio e decidiamo che In & Out, non può permettersi di non “spiare” dal buco della serratura fatti e misfatti nocesi, e rileggerli in chiave ironica come è sua natura. Ed eccezionalmente ve la leggerete di Lunedì…tanto siete in ferie, VOI! Questa settimana il podio spetta al ritorno della Moda a Noci, il pollice verso va a tutti i nocesi che….

 

dito-in

IN – Moda e Spettacolo è stato l’evento che ha riportato l’alta moda e sartorialità a Noci. In una location suggestiva quale è piazza Plebiscito, è andata in scena l’elogio della bellezza. E’ stata una serata magica in cui hanno trionfato arte e bellezza. La missione della serata era accoppiare la bellezza dei siti storici pugliesi e il fascino dell’alta moda, per far trionfare il nostro territorio.

Impeccabile l’organizzazione, questa volta la coppia Locorotondo-Lippolis (tanto vituperata e bastonata dalla nostra rubrica) supera a pieni voti la prova meritando la nostra stima e consenso incondizionato. Siete stati bravi. Chapeau!!!

 

dito-out

OUT – Direttamente dalle seggiole bianche dritti nell’Out ci finiscono quelle signore e signori nocesi incuranti della scritta “Riservato” che campeggia sulla seggiola, con “nonchalance” si appropriano del posto. L’antico vezzo di parcheggiare il loro stanco ma alquanto pare “nobile” deretano, puntualmente prima dell’inizio di un qualsiasi evento si ripropone puntualmente ad ogni manifestazione pubblica, il posto a sedere è per loro un diritto acquisito e sono disposti alla difesa strenua lottando contro tutto e tutti. Guai a sottrare loro l’osso.

Se qualcuno degli organizzatori o le hostess con gentilezza provvede a far notare che i posti sono riservati, credeteci: questi rischiano la pelle.  Infatti, al loro indirizzo partono improperi ed occhiatacce che “incenerirebbero” qualsiasi essere umano seduta stante.

Altra “stranezza” ma ormai rito abituale è il “prendere possesso” della suddetta seggiola ore ed ore prima dell’inizio dell’evento. Domenica scorsa, all’evento Moda e Spettacolo, (l’inizio era fissato per le ore 21.00) una combriccola di signore canute, che indossavano il vestito della festa e che avevano appena terminato di rendere lode al Signore “partecipando” alla messa in Chiesa Madre, si sono “parcheggiate” sulle seggiole riservate ben due ore prima. E nonostante i ripetuti inviti da parte degli organizzatori, che chiedevano loro con gentilezza di spostarsi, gli inviti sono rimasti inascoltati, le “pie” e zelanti signore hanno “invaso” la piazza e le sedie. Per le signore la sedia è una proprietà privata.

Leave a Reply

Your email address will not be published.