Consiglio Comunale: approvato Regolamento IMU

NOCI – Il Consiglio Comunale, riunitosi questa mattina (12 giugno) in modalità videoconferenza, ha approvato il Regolamento dell’imposta municipale propria (IMU).

Si è dunque deliberato che, per quanto concerne l’esercizio finanziario 2020 – data la grave crisi economica in corso causata dalla pandemia da COVID-19 – il termine per il versamento del primo acconto l’IMU è differito dal 16 giugno 2020 al 16 settembre 2020, ad eccezione dell’imposta relativa agli immobili classificati nel gruppo catastale D, gravati da una quota di spettanza statale.

Per tali immobili, il differimento dei termini può essere disposto solo con contestuale comunicazione al Ministro dell’Economia e delle Finanze, che potrà eventualmente confermare o negare il beneficio mediante proprio provvedimento.

Il Regolamento, approvato all’unanimità dei presenti, trova applicazione a far data dal 1 gennaio 2020.

 

Di seguito pubblichiamo nota del Sindaco a margine del Consiglio Comunale:

Con Atto Deliberativo approvato oggi (12 giugno 2020), si è voluto dare un primo riscontro concreto a quelle che erano le istanze di agire sulle scadenze della fiscalità locale, a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Pertanto, un primo segno concreto è stato quello di differire il versamento dell’acconto IMU per il 2020 dal 16 giugno al 16 settembre.

È bene specificare che questo differimento del termine attiene solo ed esclusivamente alla quota IMU di competenza comunale. Per quanto riguarda la quota di competenza statale – con particolare riferimento agli immobili classificabili al gruppo catastale D – la scadenza resta fissata al 16 giugno, essendo essa di competenza statale e non nelle disponibilità delle Amministrazioni Comunali.

sindaco_c.c-Si tratta di un primo importante segno, che va incontro elle esigenze di tutti i contribuenti nocesi.

Come Amministrazione Comunale, stiamo altresì lavorando – anche sulla base delle indicazioni fornite dall’Anci – per operare, con riferimento alle utenze non domestiche, una serie di agevolazioni che riguardano la Tari (tariffa sui rifiuti), sia con riferimento alla scontistica riferibile al periodo di chiusura di alcune attività sia sul differimento dei termini di scadenza per il pagamento della stessa. In ultimo, si sta facendo sintesi di quanto emerso durante le audizioni tenute dalle Commissioni Consiliari nelle scorse settimane, al fine di individuare gli strumenti più adeguati – e naturalmente le relative risorse – al fine di prevedere ulteriori misure di sostegno per le iniziative socio-culturali ed economiche della nostra comunità.

 

Il Sindaco

Dott. Domenico Nisi

Leave a Reply

Your email address will not be published.