Bucobum 2018: Bobo Rondelli sul palco di piazza Garibaldi

NOCI – Secondo appuntamento in musica per il Bucobum Festival che quest’anno spegne le dieci candeline. Lunedì sera sul palco di piazza Garibaldi Bobo Rondelli (al secolo Roberto Rondelli, nato a Livorno nel 1963) ha portato a Noci le liriche della sua vasta produzione musicale comprese quelle dell’ultimo album “Anime Storte” pubblicato nel 2017.

Insieme ad una band di tre strumentisti (batteria, violino e piano), Rondelli si è dimostrato un vero e proprio animale da palcoscenico instaurando una sorta di pièce che si riallaccia al teatro-canzone di Gaber e Jannacci, alternando musica a monologhi ironici e in alcuni casi mischiando le cose come in La Chiappona in cui Rondelli inscena un duetto con un immaginario Andrea Bocelli per poter arrivare al successo e sbarcare il lunario come cantautore. Ma non sono mancati i riferimenti all’attualità e alla politica sempre sdrammatizzati e proposti in chiave umoristica. Dalla vasta produzione Rondelli ha tirato fuori dal cilindro brani come La Marmellata, Soffio d’angelo, Vitelloni, Nara F., Madre, Per amor del cielo, a cui ha accompagnato brani celebri della musica italiana.

La produzione artistica di Rondelli si lega a doppio nodo con la figura di Piero Ciampi di cui ha vinto il premio nel 2001 e a cui ha dedicato un album nel 2015, e a Paolo Virzì che nel 2009 realizza un docu-film proprio su Rondelli e che l’anno seguente lo prende a recitare in “La prima cosa bella”.

Per questa serata delle “canzoni del nostro tempo” l’associazione organizzatrice sembra essersi slegata un attimo dall’essere trampolino di lancio per nuovi cantautori italiani ed abbia scelto invece un artista già affermato ma forse poco conosciuto a queste latitudini. A giudicare dalla folta presenza di pubblico in piazza, sembra che l’esperimento sia riuscito.

Leave a Reply

Your email address will not be published.